Il nuovo modo di leggere Napoli

Frittelle di scarole: la ricetta

di / 0 Commenti / 287 Visite / 11 marzo, 2020

ricetta_12 Le frittelle di scarole sono un’idea sfiziosa e originale da servire come antipasto o anche come aperitivo. Croccanti fuori e soffici al punto giusto dentro, sanno conquistare anche i palati più restii a mangiare le scarole e davvero una tira l’altra. Un’ottima alternativa per gustare questo ortaggio di stagione dal gusto deciso, insaporiti da capperi e olive, proprio come la trazione campana impone.

INGREDIENTI:

Scarola (indivia) 950 g
Olive nere denocciolate 80 g
Capperi 20 g
Parmigiano Reggiano DOP da grattugiare 50 g
Aglio 2 spicchi
Uova 3
Bicarbonato 1 cucchiaino
Farina 00 70 g

PREPARAZIONE:

Lavare e tagliare a julienne la scarola, quindi ridurre a rondelle sottili le olive nere. In una padella antiaderente fare rosolare, a fuoco dolce, 2 spicchi d’aglio con poco olio e quando sarà imbiondito, eliminarlo prima di aggiungere la scarola. Lasciarla cuocere a fuoco medio per 15- 20 minuti, o fino a quando non si sarà prosciugata tutta la sua acqua: la scarola dovrà diventare quasi rosolata; terminata la cottura, spegnere il fuoco e riporre la scarola in una ciotola insieme ad olive, capperi e Parmigiano Reggiano. Amalgamare bene tutti gli ingredienti e cominciare a preparare la pastella: sbattere le uova insieme al bicarbonato e alla farina, setacciati insieme, quindi aggiungere la pastella ottenuta alla scarola e mescolare bene.

 In una padella scaldare l’olio di semi e, quando sarà arrivato alla temperatura di 180°, iniziare a friggere. Per verificare la temperatura dell’olio prelevare un cucchiaino di impasto e tuffarlo nell’olio: se resterà a galla e comincerà a friggere la temperatura è corretta. Aiutandovi con un cucchiaio, formare delle palline di impasto, immergerle nell’olio e farle cuocere per due minuti al massimo. Scolare le frittelle di scarola aiutandosi con una schiumarola e disporle su un vassoio ricoperto di carta assorbente affinché perdano l’olio in eccesso, quindi lasciarle intiepidire prima di servirle in tavola.
Fate attenzione che l’olio per friggere le frittelle di scarola non diventi troppo caldo, altrimenti le frittelle cuoceranno solo esteriormente rimanendo crude all’interno.

Se lo desiderate, per insaporire ulteriormente le frittelle potete cuocere la scarola assieme a della pancetta affumicata.

Se non gradite l’aglio potete ometterlo o sostituirlo con della cipolla bianca tritata finemente.

Se lo desiderate potete cuocere le frittelle di scarola in forno, a 180-200°,  fino a quando non si saranno dorate. Per controllare la cottura consigliamo di fare la prova dello stecchino: pungete le frittelle con uno stecchino di legno e controllate che estraendolo resti asciutto, in caso contrario continuate la cottura.

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)