Il nuovo modo di leggere Napoli

Pasta con ragù di coniglio: la ricetta di “Mimmo il Pastaio”

di / 0 Commenti / 111 Visite / 7 agosto, 2020

pappardelle-con-coniglio-cucina-toscana“Non tutti forse sanno che i tortiglioni con ragù di coniglio sono un piatto legato alla tradizione Campana e in particolare all’isola di Ischia, – spiega Domenico Scognamiglio, meglio conosciuto come “Mimmo il Pastaio”, in virtù della consolidata fama ed esperienza in materia di pasta consolidata in oltre 40 anni di carriera tra le mura del suo laboratorio di pasta artigianale “Il Tortellino Pasta Fresca” – il gusto delicato del ragù si sposa bene con un tipo di pasta che trattiene bene il sugo, volendo si possono utilizzare i rigatoni, le tagliatelle, le pappardelle o gli scialatielli o quello che più si preferisce.

Riuscire a preparare un ottimo ragù di coniglio non è facile, quindi per una buona riuscita è importante la marinatura che rende la carne più saporita e frollata.”

Ingredienti

° 350 g TORTIGLIONI
° 400 g CONIGLIO DISOSSATO
° 2 SPICCHI D’ AGLIO
° 1 CIPOLLA
° 700 ml PASSATA DI POMODORO
° PREZZEMOLO
° VINO BIANCO
° ROSMARINO
° ALLORO
° SALE E PEPE
° OLIO e.v.o
° PARMIGIANO GRATTUGIATO

Preparazione

Prima di tutto, disossare il coniglio, metterlo in una ciotola con un rametto di rosmarino, una foglia di alloro un filo d’olio di oliva, un po’ di vino bianco,uno spicchio di aglio schiacciato, un pizzico di sale (volendo si può mettere anche qualche fetta di limone), lasciare a marinare per almeno un’oretta e poi tagliare a tocchetti piccoli. Tritare finemente aglio e cipolla, mettere in una padella a bordi alti con olio d’oliva e soffriggere leggermente, aggiungere i tocchetti di coniglio, far rosolare e sfumare con un po’ di vino bianco. Aggiungere la passata di pomodoro un po’di prezzemolo tritato, mezzo bicchiere di acqua per allungare la cottura e lasciare cuocere lentamente. Cuocere la pasta in abbondante salata, scolare al dente, conservare un po’ di acqua di cottura, versare nella padella con il sugo,mantecare con abbondante parmigiano grattugiato e se serve ammorbidire con l’acqua della pasta  tenuta da parte, aggiungere del prezzemolo tritato  alla fine e servire la portata in tavola ancora calda.

 

Il tuo commento

Email (non sarà pubblicata)